Emozioni Primordiali

Un fine settimana per scoprire la potenza delle emozioni primordiali
e il loro meraviglioso esprimersi attraverso il movimento

Stavo parlando con un collega di Emozioni Primordiali e mi è uscito questo paragone, pensando ai lupi che si fronteggiano.

È proprio per la loro grande capacità di esprimere pienamente l’emozione, con ringhi spaventosi, spalancamento di fauci terrificante e tutta una serie di movimenti complessi ma del tutto naturali che i lupi possono evitare di arrivare a massacrarsi.

Ad una lettura superficiale può sembrare un paradosso ma è proprio quando le emozioni primordiali sono libere di vivere nella loro piena potenza, di stare integrate nel loro flusso, che risultano innocue e benefiche per chi le prova e per chi ci interagisce.

In altri casi invece è importante l’approccio opposto: cioè le emozioni sono così leggere e delicate da aver bisogno di un ambiente accogliente per poter sbocciare, soprattutto per essere sentite, ascoltate e comprese, una sorta di ventre materno che ne contenga i primi timidi movimenti e che sostenga poi i primi passi.

Il mio maestro Zen ripeteva spesso, “lo Zen è il pensiero che diventa azione”  quindi potremmo dire che

l’Archetipo è l’emozione che diventa azione? O è il Movimento che diventa emozione?

Entrambi!

Il rapporto tra emozione e movimento è strettissimo, dinamico e molto generativo.

L’anno scorso abbiamo avuto modo di approfondire questa tema secondo l’ottica degli Archetipi Motori facendone esperienza diretta.

Ho notato un enorme cambiamento in me, ho delle reazioni, o meglio delle non reazioni, che prima non avevo e lo noto soprattutto nelle relazioni. Sto lasciando andare persone che non mi aggradano più, senza farmi un sacco di problemi. Semplicemente il loro comportamento nei miei confronti non mi va e quindi io non faccio più nulla per mantenere i rapporti.
Prima avevo la tendenza ad analizzare tutto ciò che mi sembrava di aver sbagliato, a volte senza prendere in considerazione l’opzione che anche la controparte ha le proprie cose da gestire, e quindi mi addossavo tutta la colpa. Ora mi sto accorgendo che, in realtà, è stato un concatenarsi di comportamenti ed eventi e quindi accetto le mie responsabilità ma imputo all’altra persona le proprie.”

Serena

Cosa si farà in questo corso?

Non stiamo ad analizzare o a definire le emozioni, né tanto meno a vedere dei metodi per “gestirle” o “lavorarci”… niente di tutto questo.

In questo corso voglio condividere le mie esperienze sull’approccio motorio alle emozioni, cioè come movimento ed emozioni siano strettamente interconnesse, e partiamo dalle emozioni più primordiali.

Sono convinto che istintivamente, nel proprio profondo, conosci già la potenza delle emozioni primordiali, credo che chiunque abbia questa conoscenza, e quello che voglio trasmettere al corso è il loro meraviglioso esprimersi attraverso il movimento, il loro nutrirsi di movimento. Le emozioni primordiali sono collegate a precisi schemi motori, alcuni identici per ogni persona, altri che cambiano in base al vissuto individuale.

Cosa imparo di preciso al corso, cosa c’è per me?

Ogni partecipante andrà a casa, come ad ogni corso di Movimento Arcaico, con nuove prospettive di realtà, nuove idee e soprattutto strumenti pratici immediatamente applicabili per il proprio benessere, in particolare in questo specifico corso andrai a casa avendo recuperato l’archetipo emotivo che ora è più importante per te, e anche l’archetipo che ti serve per estrofletterlo al mondo.

Alcune esperienze pratiche che faremo

  • Gli strumenti per il recupero dell’autenticità dell’emozione
  • Accoglienza del moto imprevisto
  • Il movimento dell’emozione e l’emozione del movimento
  • Archetipi e linguaggio del mitologema
  • Biologia eravamo e biologia ritorneremo

In questi giorni dopo il corso ho la netta percezione di sentire molto meglio le emozioni, mi sembra di avvertirle con molta chiarezza, come se salissero subito, immediatamente e ho scoperto anche di dare seguito con un movimento preciso.
Mi sento determinata ad azzannare o ad aggredire se qualcuno mi si avvicina e, come era emerso durante il corso, pensavo di sperimentare la cosa con il mio Responsabile, che guarda caso, mi sta abbastanza alla larga….forse lo avverte?
Sono anche riuscita a convincerlo, senza nemmeno troppa fatica, a richiedere il part time che desidero da tempo….

Paola

Il corso si terrà presso il BioAgriturismo Casa Essenia a Condino (TN) dal 4 al 6 gennaio 2019.

Si inizia venerdì 4 gennaio alle 15.30. Il termine è previsto verso le 17.30 di domenica 6 gennaio.

Il corso costa 300 euro + IVA.

Il numero di partecipanti è limitato a 16 persone e per motivi organizzativi le prenotazioni terminano il 10 dicembre.

Se vuoi prenotare o desideri ulteriori informazioni
contattaci compilando il seguente modulo

Nome e Cognome:

La tua email:

Il tuo messaggio: